Chiudi
Mappa
Immagine principale Zoom

Agazzi Rinaldo

Mapello, BG, 1857 - Bergamo, 1939

"Pensieri"

Olio su tela, cm 65x45
Firmato e datato in basso a destra: “Agazzi Rinaldo 1930”.
Datato: 1930

È opera intensa e piacevolissima fra i numerosi dipinti di medesimo soggetto in cui Rinaldo Agazzi rielabora l’esperienza più formativa per la sua arte, cioè quella romana, a contatto con Antonio Mancini, ponendola a confronto con gli insegnamenti ottenuti dalla vicinanza a Cesare Tallone a alla Scapigliatura milanese. Risulta evidente in quest’opera come l’artista abbia collocato e impaginato la figura privilegiando l’attenzione alla resa psicologica del volto e all’atmosfera malinconica e pensosa di cui l’immagine è portatrice, superando certamente la pura restituzione della verità ottica, senza tuttavia tradire la rappresentazione di elementi reali che rendono riconoscibile il ruolo di modella della protagonista. Il busto emerge con forza plastica di sapore talloniano dalla vaporosità del vestito appena abbozzato, intessuto di luce secondo i canoni scapigliati, e si staglia contro uno sfondo reso con pennellate larghe e abbreviate che illuminano le cremoniane tonalità neutre dello sfondo. Tutta manciniana è invece la profondità dello sguardo, esaltata dall’uso della luce. E. Motta

Resta sempre aggiornato sulle novità e curiosità della galleria